Via Onorato Vigliani , 51, Torino , 10135 | Ufficio: 011.6523600 | cdcc@centrodiculturacondominiale.com

rottamazione ter

Rottamazione ter, ticket entro il 7 dicembre
La chance per chi ha aderito alla rottamazione bis con carichi 2017 o precedenti
Definizione agevolata per chi è decaduto dalla prima edizione
La rata della rottamazione bis che in origine scadeva oggi può essere versata entro il 7 dicembre. Tanto, sia che si tratti della terza rata (carichi 2017) sia che si tratti della prima rata (carichi ante 2017). Inoltre, se si versano le rate scadute a luglio e a settembre sempre entro il 7 dicembre, si accede alla rottamazione ter, con la conseguenza che le somme residue possono essere pagate in cinque anni.
Una delle questioni critiche della disciplina contenuta nell’articolo 3 del Dl 119/2018 riguarda i rapporti con le due precedenti edizioni della rottamazione degli affidamenti. In via generale, è utile ricordare che l’attuale definizione agevolata può essere chiesta anche per i carichi che non sono mai stati inclusi in alcuna precedente istanza di sanatoria. Tra questi, rientrano senz’altro quelli affidati all’agente della riscossione nell’ultimo trimestre del 2017, che era escluso dalla rottamazione bis.
Inoltre, tutti i soggetti che hanno chiesto la prima rottamazione (articolo 6 Dl 193/2016) e che per qualsiasi motivo sono decaduti da essa, possono oggi chiedere la definizione agevolata, con istanza entro il 30 aprile 2019. Questo, senza alcuna condizione di accesso.
Per le partite oggetto di rottamazione bis (articolo 1, Dl 148/2017), bisogna invece fare delle distinzioni. Le regole generali al riguardo prevedevano che: se si definivano carichi 2017 (fino al 30 setmbre), le rate erano al massimo cinque, scadenti nei mesi di luglio, settembre, ottobre, novembre 2018 e febbraio 2019; per i carichi ante 2017, le rate erano tre, scadenti a ottobre, novembre 2018 e febbraio 2019.
Inoltre, per tutti i debitori che avevano a fine 2016 rate scadute relative a dilazioni in essere al 24 ottobre 2016, l’accesso alla rottamazione bis era condizionato al pagamento, in un’unica soluzione, di tutte le rate entro la fine dello scorso mese di luglio. Vale ricordare, in proposito, che questa regola valeva sia per i debitori ripescati dal rigetto della precedente domanda di sanatoria sia per quelli che per la prima volta chiedevano la rottamazione dei carichi ante 2017.
Per i contribuenti che hanno chiesto la definizione dei carichi 2017, il comma 21 dell’articolo 3 stabilisce che è possibile versare le tre rate in scadenza a luglio, settembre e ottobre entro il 7 dicembre, senza maggiorazione di sorta.
I debitori che hanno chiesto la definizione dei carichi ante 2017 sono anch’essi espressamente richiamati dal comma 21, limitatamente alle rate con scadenza in ottobre e novembre 2018. Di queste, la norma prescrive il pagamento della sola rata di ottobre entro il 7 dicembre.
Sia i primi (carichi 2017) che i secondi (carichi ante 2017), una volta adempiuto il pagamento del 7 dicembre accedono di diritto alla rottamazione ter con riferimento alle somme residue. Si tratta degli importi che in origine scadevano a novembre 2018 e febbraio 2019. Queste somme verranno ripartite in cinque anni con comunicazione dell’agente della riscossione inviata entro il 30 giugno 2019.
La nuova norma precisa che le rate da versare devono essere conteggiate al netto dei mini ruoli di importo non superiore a mille euro, trasmessi dal 2000 al 2010, che sono oggetto di completo azzeramento.
Se il debitore omette di pagare il dovuto entro il 7 dicembre le conseguenze sono due: si decade dalla rottamazione bis; non si può accedere alla rottamazione ter e quindi il debito residuo non può più essere dilazionato.
Va meglio per i soggetti che avevano rate scadute a fine 2016 e non le hanno versate entro la fine di luglio scorso. In questo caso, non si è avuto accesso alla rottamazione bis e pertanto è possibile chiedere la definizione ter senza condizioni di sorta, alle regole valevoli per la generalità dei debitori.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luigi Lovecchio
By | 2018-12-26T13:11:19+00:00 dicembre 26th, 2018|Commenti disabilitati su Registrati

Leave A Comment