Via Onorato Vigliani , 51, Torino , 10135 | Ufficio: 011.6523600 | cdcc@centrodiculturacondominiale.com

Omessa dichiarazione, detrazione l’anno dopo


Omessa dichiarazione, detrazione l’anno dopo

Debora Alberici 


In caso di omessa dichiarazione il contribuente può portare in detrazione il suo credito fiscale l’anno successivo senza la necessità di ricorrere all’istanza di rimborso dell’imposta. E ha diritto pure agli interessi. È quanto affermato dalla Corte di cassazione che, con l’ordinanza n. 25288 del 9 ottobre 2019, ha respinto il ricorso dell’Agenzia delle entrate e accolto quello incidentale del cittadino. Ad avviso della sezione tributaria, «in caso di omessa presentazione della dichiarazione annuale Iva è consentita l’iscrizione a ruolo dell’imposta detratta e la consequenziale emissione di cartella di pagamento, potendo il fisco operare, con procedure automatizzate, un controllo formale che non tocchi la posizione sostanziale della parte contribuente e sia scevro da profili valutativi e/o estimativi nonché da atti di indagine diversi dal mero raffronto con dati ed elementi dell’anagrafe tributaria, ai sensi degli artt. 54-bis e 60 del dpr n. 633 del 1972, fatta salva, nel successivo giudizio di impugnazione della cartella, l’eventuale dimostrazione, a cura del contribuente, che la deduzione d’imposta, eseguita entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto è sorto, riguardi acquisti fatti da un soggetto passivo d’imposta, assoggettati ad Iva e finalizzati a operazioni imponibili». E in più, chiariscono ancora i Supremi giudici, se il contribuente si attiene agli obblighi formali-contabili prescritti dalla normativa interna grava, sull’amministrazione fiscale che intenda disconoscere il diritto a detrazione negando la corrispondenza della realtà effettuale a quella rappresentata nelle scritture contabili, l’onere della relativa contestazione e della consequenziale prova. Diversamente, se il contribuente non si attiene alle prescrizioni formali e contabili disciplinate dall’ordinamento interno, è onere dello stesso, a fronte della contestazione di omissioni o irregolarità, fornire adeguata prova dell’esistenza delle condizioni. 


© Riproduzione riservata

By | 2018-12-26T13:11:19+00:00 dicembre 26th, 2018|Commenti disabilitati su Registrati

Leave A Comment